Aperte le iscrizioni per il Laboratorio teorico-pratico alla scoperta dell’arte dell’innesto

[evento facebook]

Laboratorio teorico-pratico alla scoperta dell’arte dell’innesto

guidati dall’esperienza e dalla passione di Gian Luca Pannocchietti, contadino da sempre, esploreremo gli argomenti e le tecniche di quest’arte conosciuta e utilizzata fin dall’antichità

ARGOMENTI
– introduzione alla tecnica dell’innesto, cos’è e a cosa serve;
– panoramica sui diversi tipi di innesto;
– attrezzature e materiali;
– marze e portainnesti;
– principali specie innestabili
– periodo e tipologie di innesto con particolare approfondimento sulle sulle tecniche più utilizzate per le nostre specie (Innesto a corona, spacco, a gemma vegetante);
– cure alle piante innestate;

ESERCITAZIONE PRATICA
Nella parte pratica ci eserciteremo in campo con le tecniche apprese, innestando ed esercitandoci su varie specie da frutto

ogni partecipante riceverà un portainnesto da innestare con marze a scelta tra diverse varietà, che potrà portare a casa una volta innestato

[Opzionale]
portare il proprio coltello da innesto

Orari:
Sabato 09.00 -17.00

°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Il pranzo che condivideremo durante il corso non può che essere all’insegna del BENESSERE senza rinunciare al GUSTO! CUCINA NATURALE E VEGETARIANA, a tratti vegana, preparata dalla cuoca (e mia dolce compagna) Federica Dimauro

°°°°°°°°°°°°°°°°°°

E’ necessario prenotare la propria partecipazione
Per informazioni e prenotazioni contattare Alex al 338 9845141 o scrivere alla email fattorialeguainelle@gmail.com
contributo 40€ (pranzo incluso)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Chi è Gianluca Pannocchietti

Contadino da sempre e coltivatore di Biodiversità presso la sua azienda agricola Valle del Tellaro. Attraverso grandi doti da innestatore è riusciuto a recuperare una grande quantità di sementi locali e centinaia di varietà di frutti antichi siciliani. “Ogni varietà che ho in campagna è un dono che ho ricevuto e che voglio restituire. Non posso esserne il solo custode, voglio assicurarmi che nulla si perda”